Durante l’estate appena trascorsa sono diventato un possessore del tanto amato e chiacchierato Chromecast. Fondamentalmente al momento del suo acquisto non ne avevo un reale bisogno data la mancanza di un TV degno di essere definito tale. Il suo acquisto per me è stato puramente uno sfizio da togliermi, un acquisto  di quelli che fai col buono che ti regalano da spendere nel negozio della tua città.

Le cose però, sono cambiate quando, nel mese di Ottobre ho acquistato un nuovo TV 32 pollici. La TV è tale solo per definizione dato che da ormai quasi 10 anni al di fuori del calcio non la guardo proprio più ma la utilizzo come un gigante schermo per streammare i contenuti provenienti da vari servizi (YouTube, Netflix e affini).  Altre volte invece mi sono trovato a dover streammare contenuti sul mio PC. Avendo constato l’instabilità di VLC 3.0 con Chromecast ho dovuto cercare una soluzione alternativa su come riprodurre video su Chromecast senza Google Chrome.

É impossibile farlo, dovremmo sempre prescindere dal browser di Google anche se verrà in nostro soccorso, Videostream, un’app per Chrome che permette, una volta selezionata una cartella sul nostro PC/Mac, di inviare e riprodurre contenuti tramite il nostro Chromecast. Una vera e propria manna dal cielo dato che fondamentalmente, Videostream rimuove il limite principale del prodotto Google.

Non solo, Videostream è un prodotto completo, con tantissime funzionalità del quale non si può fare a meno sevogliamo riprodurre tramite il Chromecast contenuti video salvati in locale. VLC 3.0 ancora sembra non essere pronto a questo grande salto. Videostream ha soddisfatto le aspettative di un binge watcher esigente come me. Tra le tante funzionalità troviamo la lettura automatica dei sottotitoli (se presenti nella stessa cartella del file video), supporto di un gran numero di codec multimediali ma sopratutto un’ottima app per iOS e Android che trasformano il nostro smartphone nel nostro telecomando.

Videostream e il suo team di sviluppo offrono l’app sì gratuitamente senza limitazioni particolarmente fastidiose (dovrete aspettare sì 10 secondi tra un episodio e un altro), ma anche una versione premium che mette il turbo al servizio:

Tra le feature principali troviamo: NO ads (già neutralizzati se utilizzate AdBlock), possibilità di creare playlist, controlli avanzati per i sottotitoli, ulteriori funzionalità per Videostream app per Android e il supporto al team che ha sviluppato l’app. I piani a disposizione sono vari e partono dal mensile per 1.49, passando per i 14.99 dollari per l’annuale e concludendosi con i 34.99 dollari per l’abbonamento a vita.