Moment, il mio alleato per l’iPhoneography

Da qualche tempo a questa parte ho deciso di prendere sul serio una corrente di fare/pensare: l’iPhoneography. Per chi non sa a cosa mi riferisco, riporto testualmente Wikipedia:

iPhoneography is the art of creating photos with an iPhone. This is a style of mobile photography that differs from all other forms of digital photography in that images are both shot and processed on the iOS device. Whether a photo is edited using different graphics applications is an argument among iPhone photographers.

Partendo dal presupposto che la iPhoneography e la fotografia tradizionale siano due mondi separati e lungi da considerarmi un fotografo, voglio parlarvi di un supporto che ha migliorato sensibilmente la mia esperienza con l’iPhone.

Lenti esterne, che passione ma..

Tempo fa mercato sono apparse delle lenti per iPhone da applicare tramite una apposita custodia o con una soluzione built-in. Queste, pur offrendo vantaggi come il fisheye, wideangle, il macro o il tele presentano un difetto che un “perfezionista” di iPhoneography come me etichetta come “grave difetto”, ovvero una forte distorsione. [Qua una galleria per vedere immagini scattate con Olloclip, la lente in questione].

Possiamo trovare delle app come Skwrt che ci aiutano a ridurre e/o camuffare queste distorsioni, il problema di base. Non solo, ad esempio le lenti Olloclip nonostante le ottima fattura presentano un effetto “bruciatura” nella parte superiore e/o nei lati a seconda della luce. Un difetto che, col passare del tempo mi ha portato ad abbandonare questo prodotto che di fatto era molto comodo: tutto d’un pezzo, lo si agganciava alla parte superiore dell’iPhone e via con gli effetti spettacolari.

Qualcosa è cambiato

I tempi sono cambiati, gli smartphone si sono evoluti e le lenti, ahimè sono rimaste le stesse. C’è voluta una new entry in un mercato in continua espansione. Moment è un collettivo di creatori creativi che credono che il futuro della fotografia sia nelle nostre tasche. Questi abili builders, come si definiscono loro, cercano di offrire al mon

La grande bellezza

Oltre a essere prodotti funzionali, (ho provato Moment Lens perInstagramers Italia) sono prodotti di ottima fattura. Da qualche tempo, in attesa di cambiare il mio “vecchio” iPhone 5 e passare a un iPhone 6S Plus, ho messo nella mia lista dei desideri la “MOMENT CASEN Black / Walnut”.Non siamo davanti alla solita custodia ma davanti a un prodotto funzionale alla nostra iPhoneography. Oltre alla pregevole fattura e il dettaglio in legno che possiamo osservare nella foto, questa è dotata anche di un comodo pulsante per lo scatto, molto simile a quello che ho potuto apprezzare tempo fa sul Camera Grip di Lumia 1020.

Perché scelgo Moment per la mia iPhoneography

Ho scelto Moment perché c’è bisogno di innovare anche nell’iPhoneography. Abbiamo bisogno di novità, di qualcosa di cool e funzionale e per farlo ho scelto coloro che vogliono spaccare il mondo dell’iPhoneography. Lo fanno a colpi di ottimi prodotti e tanto stile. Affianchiamo al funzionale — in primis — al bello. Perché i nostri device non sono solo funzionali ma anche vere e proprie opere di design. Valorizziamoci. Valorizziamo i nostri scatti.

Ho scelto Moment perché ad ora non vedo niente di più funzionale e cool; siccome ho deciso di prendere la strada dell’iPhoneography, la seguirò “col meglio”.

Se ti interessano i miei scatti, seguimi su Instagram: GUSIONS

15 utenti Instagram amici che vi consiglio di seguire

Da qualche mese assieme alla mia carriera da blogger ho deciso di provare a costruirne una parallela, quella di Instagramer. Ancora non ho ricevuto dei riconoscimenti ufficiali da Mamma Instagram al di fuori di qualche libretto e adesivo, ma studiando bene l’ambiente ho trovato alcuni profili molto interessanti che ispirano il mio feed. Ho deciso di creare una saga di qualche puntata (due o tre) con 15 utenti Instagramers Italiani da seguire. Questa volta vi consiglio 15 amici, che dovreste già seguire.

Ho deciso di non mettere numeri, né scale, in quanto apprezzo e stimo tantissimo artisticamente e personalmente tutti gli instagramer citati. La decisione di utilizzare il criterio “ordine alfabetico” mi è sembrata una delle decisioni più giuste.

Continue reading

iOgrapher recensione: quando la mobile photography viene portata all’ennesima potenza

iographer_main

 

Nelle scorse settimane ho avuto il piacere – e anche l’onore – di provare con le mie mani iOgrapher uno dei gadget più richiesti ed apprezzati da tutti gli iPhoneographer.

Ho testato per bene alcuni prodotti della serie iOgrapher. Vediamoli assieme.

CASE

IMG_0987

Il primo, nonché elemento fondamentale, è sicuramente il Case. Siamo davanti a una struttura in plastica rigida, che ci offre una buona sensazione di stabilità e un ottimo grip che ci permette di utilizzare il nostro iPhone in maniera completamente diversa. Grazie alle maniglie laterali infatti potremo ottenere un grip fenomenale specie se siamo soliti a scattare fotografie in modalità “landscape”.

Il case ingloba perfettamente il nostro iPhone (io ho provato la versione per 5 e 5S) e impedendone la caduta o qualsiasi altro spostamento. Nella parte inferiore infine troviamo anche l’alloggio per il treppiedi, fondamentale per chi come me è solito scattare foto a lunga esposizione.

Ma non solo, la vera chicca è un’altra però: nella parte posteriore del case è disponibile l’alloggiamento per delle lenti da 37mm, fondamentali per migliorare la nostra esperienza con iPhone.

 

LENTI

 

IMG_0989

Assieme al case mi sono state fornite due lenti da agganciare al case: un grandangolo e un tele obbiettivo. Entrambi prodotti di ottima fattura, con un package molto interessante. All’interno troviamo un comodo e pratico sacchetto che ci permette di trasportare la lente in assoluta tranquillità senza pensare che questa possa rovinarsi e/o graffiarsi.

Le dimensioni, come possiamo vedere dalle due foto delle lenti non sono eccessive, si infilano nello zainetto senza problemi. Io che sono solito utilizzare dei pantaloni non proprio skinny, le porto tranquillamente nelle mie tasche.

I risultati delle foto scattate con queste lenti sono fenomenali. Il grandangolo mi ha piacevolmente stupito. La distorsione inoltre, solitamente notabile a prima vista con lenti di altro tipo è minima e fortunatamente è semplicemente correggibile con app tipo SKRWT.

Il Telefoto 2x è semplicemente ottimo, anche qua la qualità della foto non viene minimamente intaccata riuscendo ad ottenere ottimi risultati anche col “solo” iPhone.

 

MICROFONO

IMG_0669

Assieme al case e alle lenti, ho ricevuto in dotazione un vero e proprio gioiellino. Il suo nome è smartLav+ è un semplice ma potentissimo microfono.

La potenza di suono e la chiarezza di questo sono portati all’ennesima potenza. Un ottimo accessorio per chi è solito realizzare dei video. Io ne ho realizzato uno (che pubblicherò a breve) per testare il funzionamento di tutti gli accessori e sono rimasto piuttosto stupito del microfono.

Il suono rimane pulito, chiaro, anche in ambienti rumorosi e con rumori di sottofondo piuttosto invadenti. Le dimensioni di questo sono le stesse di un paio di auricolari standard, ne’ più ne’ meno.

Una piacevole sorpresa!

 

Conclusioni

Gli strumenti che ho avuto modo di provare riguardanti iOgrapher sono davvero fenomenali. Uniti insieme permettono di realizzare un prodotto veramente ottimo, specie per quel che riguarda i video.

Il case è leggermente ingombrante ma se utilizzato in coppia con un buon treppiedi diventa fondamentale dato che fissa lo smartphone a questo, evitando ogni movimento.

Il grandangolo e il telefoto sono ottimi prodotti, degni di nota e il microfono è fenomenale. Se volete cominciare a utilizzare il vostro iPhone per realizzare qualcosa al “next level” iOgrapher è quello che fa per voi!

 

In chiusura vi lascio i link per acquistare i prodotti in questione, qualora foste interessati: Case, grandangolo, telefoto, microfono.

VSCOCam 3.5 diventa un’app semi professionale coi Creative Control

 

ORIGINARIAMENTE  UNO SPRECO DI BIT


Se per caso non ve ne foste accorti, nelle scorse ore l’intera utenza iOS (o comunque la maggior parte di questa) ha installato iOS 8, la nuova versione del sistema operativo di Apple presentata lo scorso Giugno durante il WWDC 2014. Molti sviluppatori già alcune ore prima del rilascio ufficiale avevano pubblicato su AppStore un aggiornamento per garantire la compatibilità della propria app col nuovo aggiornamento. Una delle app che mi ha colpito maggiormente è stata VSCOCam che non solo ha semplicemente aggiornato la propria app bensì ha rilasciato una nuova versione, la 3.5, con tante novità e col supporto alle nuove API di Apple per il settore imaging.

Ebbene sì, non un semplice aggiornamento bensì una vera e propria major release, annunciata da VSCO sul proprio sito con un blogpost e, come di consueto sul profilo Instagram. Attenzione però: VSCOCam non si è aggiornata, si è trasformata. VSCOCam è diventata un’app prosumer adatta sia agli utenti normali tra virgolette (consumer) e quelli più esigenti (pro).

 

A investire di questo prestigioso titolo è l’introduzione dei “Creative Control” ovvero una serie di strumenti avanzati integrati nella fotocamera dell’app. Non tutti gli utenti saranno capaci di utilizzarli, per questo Vsco, ha deciso di “nasconderli” rendendoli attivabili dal menu superiore dopo aver “tappato” sull’ingranaggio. Vediamo, prima di analizzarli uno ad uno, quali sono questi nuovi tool:

3_5_journal_legend-3

 

  • Exposure compensation: modifichiamo l’esposizione per ottenere risultati “artistici”;
  • White balance: bilanciamo i bianchi per ottenere uno scatto coi colori quanto più reali possibili;
  • Manual focus: fuoco manuale, scegliamo noi quale soggetto mettere a fuoco con un semplice tap;
  • ISO: settiamo la sensibilità alla luce della fotocamera per migliorare la qualità dell’immagine;
  • Shutter speed: selezioniamo la velocità di scatto dell’otturatore per manipolare la chiarezza del soggetto con qualsiasi tipo di luce.

Sono strumenti molto potenti se utilizzati con cognizione ma non tutti riescono a farlo ma VSCO ha voluto porre rimedio a questa situazione rilasciando dei tutorial, uno per ogni singolo strumento, disponibili a questo indirizzo.

VSCOCam si è evoluta. Non è più solamente l’app che molti utenti utilizzano per applicare dei filtri (preset) alle proprie foto in fase di post produzione bensì una vera e propria app completa, capace di seguire l’utente dallo scatto grazie a questi nuovi strumenti fino al post produzione e la relativa pubblicazione su Instagram o Grid. Se prima non riuscivo a separarmene, ora non posso proprio più farne a meno.

 

Adobe Photoshop Express per Windows Phone 8 è la svolta nella mobile photography

adobe_photoshop_express_wp8_edit

Qualche giorno fa vi avevo annunciato l’arrivo di Adobe Photoshop Express per Windows Phone 8. Ho voluto scrivere giusto due righe in quell’occasione giusto per portarlo all’attenzione dei lettori e di annunciare una recensione.

In questi giorni infatti mi sono cimentato in una profonda fase di testing di questa app, una delle mie preferite che utilizzo su iPhone con estrema soddisfazione.

Versione per Windows Phone 8

Quando vidi l’annuncio dal vivo a Barcellona rimasi incredulo, sembra ieri ma oggi Adobe Photoshop Express esiste per Windows Phone 8 ed è davvero una gran figata. L’app in questione non è un semplice porting di un prodotto da un’altra piattaforma a Windows Phone 8 ma è una vera e propria release ad hoc che presenta si le stesse feature presenti sulle altre piattaforme ma con una personalizzazione, a livello grafico, che la rende quasi un’app nativa.

Nessun porting o riciclo, bensì un’app personalizzata per la modern UI e realmente degna di nota.

Funzionalità base

 

adobe_photoshop_express_windowsphone

L’app ci mette qualche secondo ad avviarsi, durante i quali troviamo la classica splashscreen. Trascorsa questa manciata di secondi potremo accedere alla schermata principale dove sarà possibile cominciare ad editare una foto presente nella nostra libreria o scattarne una nuova.

Una volta selezionata la foto possiamo cominciare l’editing delle nostra foto scegliendo tra:

  • looks, sarebbero i filtri (sono disponibili 25 filtri gratuiti e 20 a pagamento);
  • adjustments dove troviamo strumenti per modificare: clarity, dettagli, riduzione del rumore, esposizione, contrasto, ombre, temperatura, tinta e vibrance;
  • borders per inserire delle cornici, sono 30 quelle disponibili;
  • crop per ritagliare, girare e ridimensionare le immagini;
  • red eye, per eliminare gli occhi rossi dalle immagini che ritraggono soggetti umani.

Prova su strada

Per testare Adobe Photoshop Express ho deciso di utilizzare il Nokia Lumia 1020, il miglior camera phone in circolazione per vedere quanto possano essere estremi i risultati.

Le immagini di questo terminale sono già ottime di default, ma con Adobe Photoshop Express si fa il definitivo salto di qualità. La possibilità di regolare esposizione, contrasto, dettagli e soprattutto la riduzione del rumore specialmente negli scatti notturni dove il 1020 non ha praticamente eguali.

Considerazioni finali

Adobe Photoshop Express è un’app che potrebbe segnare il definitivo salto di qualità anche per gli utenti Windows Phone 8, che potranno mettere mano alle proprie immagini in maniera professionale più che mai. Ottima, reattiva e compatibile praticamente con tutti i terminali in circolazione. Non sono richieste grandi competenze per modificare delle immagini, ma il risultato è garantito.

Unica pecca: per sbloccare i filtri sono necessari 2.99 euro mentre per il filtro riduzione rumore ben 4.99 euro. Cifre non certo da niente ma per chi si occupa di Instagram o mobile photography decisamente abbordabili.

 

Tips and Tricks per Instagram: le mie dieci app fondamentali

skrwt_immagine

 

Devo ammettere di averci pensato un po’. Stilare una lista delle dieci app preferite per editare foto da postare successivamente su Instagram è stata un’impresa. Continua la rubrica Tips and Tricks per Instagram e dopo aver visto i miei accessori (di base) ecco quindi le mie dieci app fondamentali.

1. Camera+ (1.79 euro)

Il primo posto della mia personale classifica è occupato da Camera+. L’app, suggeritami anni da Gianpiero Riva, è attualmente quella che utilizzo per lo scatto. La possibilità di impostare il focus e l’esposizione, la presenza di uno stabilizzatore (funzionante) e la possibilità di scattare in formato 1:1 la rendono la mia preferita nonché quella che utilizzo abitualmente per scattare foto.

2. VSCOCam (gratis)

VSCOCam è l’app che utilizzo principalmente per applicare interessanti filtri (chiamati nell’app preset) in stile vintage o retro alle foto. Sono un vero proprio fan di quest’app, tanto che ho acquistato tutti i preset disponibili. Definirla però semplicemente un’app per applicare filtri è riduttivo, infatti è possibile, tramite gli strumenti messi a disposizione regolare esposizione, temperatura, dettagli, sfocatura, dettagli, contrasto etc. Inoltre, ciliegina sulla torta, è possibile scattare anche foto con l’app camera integrata.

3. Snapseed (gratis)

Tra tutti gli strumenti di editing disponibili sul mercato, Snapseed è forse il più potente. L’app infatti ci permette di modificare le foto con workflow dinamico (nel senso che se ne può inventare ogni volta uno nuovo) con il quale è possibile procedere semplicemente sperimentando i vari parametri, ottenendo sempre un risultato differente. Uno strumento molto potente e semplice da usare, cui inizialmente sarà difficile coglierne le potenzialità, ma una volta comprese diventerà imprescindibile.

4. VividHDR (1.79 euro)

VividHDR è forse la migliore app per scattare foto in HDR presente sul mercato. Il suo punto di forza è quello di scattare foto di qualità in cinque secondi e visto tutto il lavoro che c’è dietro questa particolare tecnica fotografica (sovrapposizione di tre immagini con tre tipi di esposizione diversa). Nel post scatto è possibile scegliere diversi effetti per le foto, ma nulla di entusiasmante. L’app lavora fondamentalmente in maniera automatica, senza dover impostare alcun parametro come avviene su PRO HDR, ma i risultati sono ugualmente ottimi. Ottima in accoppiata col tripode.

5. PS Express (gratis,  pacchetto effeti 4.59 euro in-app)

Noi tutti conosciamo Photoshop, direttamente o indirettamente. Su smartphone Android e iOS, è disponibile una versione mobile, Photoshop Express, che ci permette di modificare le nostre foto, settando parametri vari come in altre app. Personalmente la utilizzo per l’effetto “Riduzione rumore”, tra le altre cose acquistabile a tramite acquisto in-app del pacchetto completo di effetti.

6. NightCap Pro (0.89 euro)

iPhone e foto al buio stanno agli antipodi. Scattare delle foto in condizioni di poca luce è una vera e propria impresa e nessuna tra le app citate fino ad ora ci permette di scattare foto di qualità al buio. Per ovviare a questo problema mi affido, quando capita, spesso a NightCap Pro. L’app infatti ci permette di selezionare varie modalità per lo scatto come il “manual mode” scegliere il formato della foto, impostare l’autoscatto o una raffica di foto. L’app inoltre integra un filtro per la riduzione del rumore, che alcune volte mi permette di evitare di usare PS Express per ridurre il rumore.

7. GeotagMyPic (gratis)

Mi capita spesso di stare in giro per l’Italia e l’Europe e di scattare un buon numero di foto. Per vari motivi non riesco a pubblicarle tutte di colpo, le suddivido e le pubblico giorno per giorno. Cambiando località, l’app di Instagram non riconosce automaticamente dove la foto è stata scattata e di conseguenza è necessaria un’app che inserisca questi dati alle foto. Per ovviare a questo problema uso GeotagMyPic, molto semplice e intuitiva.

8. SKRWT

Tra quelle citate fino ad ora forse è la meno popolare. SKRWT è una nuova app, pubblicata due giorni fa su App Store che ci permette di aggiustare la prospettiva, l’angolo di visuale, correggere le distorsioni da lente etc delle nostre immagini. Un nuovo prodotto completo che va a riprendere il concetto di correzione di prospettiva visto in FrontView e lo porta all’ennesimo livello, con una UI moderna e una semplicità d’uso praticamente imbarazzante.

9. TinyPlanet (0.89 euro)

Novità. Questa è forse la parola che userei per descrivere TinyPlanet. Cercavo qualcosa che andasse al di là della fotografia tradizionale. Così ho trovato questa fantastica app che permette di dare alle nostre foto panoramiche (anche se quelle col grandangolo di Olloclip vanno più che bene) un effetto particolare, come quello che possiamo vedere all’inizio del paragrafo.

10. Followgram (gratis)

Followgram non è un’app né per l’editing né per lo scatto ma ci permette di raggruppare creando degli album le nostre foto di Instagram. Molto utile per chi viaggia o partecipa ad eventi dove categorizzare le proprie foto magari pubblicate in lassi di tempo differenti è molto importante. Ha un difetto però, ogni foto aggiunta ad un determinato album viene aggiunto un commento che menziona followgram.

 

 

Tips and Tricks per Instagram: l’attrezzatura base

Pronti, partenza, via. Tips and Tricks per Instagram, il mio nuovo mini progetto di post comincia ufficialmente oggi. Dopo il breve annuncio è il momento di passare ai fatti. Voglio inaugurare questa nuova rubrica con un post che riguarda l’attrezzatura di base che personalmente utilizzo per scattare foto da pubblicare su Instagram.

Dispositivi:

IMG_0002

Fondamentalmente scatto le mie foto con due diversi device: Nokia Lumia 1020 e iPhone 5. Li alterno senza problemi anche se il camera phone di Nokia è il mio dispositivo preferito per lo shooting mentre per l’editing, vista la mole di applicazioni disponibili preferisco iPhone.

Accessori vari:

Quando mi capita di uscire a fare qualche foto o in generale partecipare a qualche evento a tema ci sono alcuni accessori che non possono assolutamente mancare. Vediamoli nello specifico.

Batteria Esterna

nokia_dc_19Un vero e proprio must have. La batteria esterna di Nokia, la DC-19 (qua la recensione completa) è un compagna di viaggio dalla quale non mi separo più. Con la sua capienza di 3200 mAh, permette di ricaricare due volte completamente iPhone 5 e una volta e mezzo Nokia Lumia 1020.

Le dimensioni ridotte, la sua portabilità e la possibilità di collegare qualsiasi cavo USB, mini USB, lighiting etc. sono sicuramente dei punti di forza da non trascurare.  Per chi insomma non deve effettuare vere e proprie sessioni di shooting intensivo per diverse ore, questa è un’ottima soluzione per non rimanere privi di carica.

 

 Tripode

gorillapod_tripode_iphoneAltro elemento di cui non riesco più a fare a meno in questo ultimo periodo è il Tripode, precisamente il Joby GripTight GorillaPod Stand, acquistato da Amazon per una cifra intorno ai 25 euro. Una cifra non irrisoria certo, ma un accessorio molto interessante per diversi motivi: ci permette di tenere completamente fermo il nostro dispositivo per lo scatto e per via della sua estrema diuttilità è possibile agganciarlo ovunque: rami, pali, ringhiere etc. Un vero e proprio gioiellino che ci permette di non avere più le mani occupate in fase di scatto.

Mi capita spesso di utilizzarlo in accoppiata con gli auricolari dei vari smartphone, avendo così anche la possibilità di allontanarmi dallo smartphone per vedere come lo scatto apparirà e scattare la foto semplicemente premendo uno dei tasti volume degli auricolari.

Lente aggiuntiva (solo iPhone)

olloclip_iphone5Altro elemento immancabile, ma purtroppo disponibile solamente per iPhone è Olloclip, una lente aggiuntiva per lo smartphone che ci permette di migliorare sensibilmente i nostri scatti. La lente ci permette di ottenere il ricercato effetto fish-eye, il grandangolo e ben due modalità di macro a 10 e 15x.

Un accessorio molto interessante, portatile e ben realizzato, che dovrebbe far parte della “collezione” di accessori di tutti gli iphoneographer. Prezzo un po’ alto, 69.90 euro. Una cifra non irrisoria ma sicuramente ben investita.

 

La mia attrezzatura di base che utilizzo e che consiglio ai novizi (e non) che prendono Instagram con serietà. Più avanti  stilerò una lista completa di tutti gli accessori consigliati per ottenere il massimo dal nostro smartphone.

Tips and tricks per Instagram, nuova rubrica

instagram_for_ios_7_large_verge_medium_landscape

Rieccoci qua, dopo aver terminato gloriosamente la serie Windows Phone 8.1 dalla A alla Z, ritorno con un nuovo progetto: Tips and tricks per Instagram. (photo by The Verge)

Dopo alcuni anni di impegno (più o  meno costante) sul social delle foto più in voga del momento, vengo a dispensare consigli su come migliorarsi su Instagram. Ricevo tante richieste di un aiuto, di consigli e dritte di vario tipo per migliorare qualitativamente le proprie foto oppure su come guadagnare nuovi follower.

I temi che andrò a trattare, in linea di massima, saranno proprio questi. In corso d’opera aggiungerò anche qualche piccolo consiglio su accessori, app e perché no qualche tutorial.

 

Ecco inoltre alcuni post che potrebbero esservi utili per stare in tema:
  1. VSCO Cam: l’app perfetta per l’editing delle foto su iOS e presto su Android
  2. Instagram come si usa: le dieci cose da non fare assolutamente;
  3. Instagram come si usa: ecco come gli utenti “inquinano” l’ambiente con Reflex e affini;

POST: